Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Sequenze Numeriche per Rigenerare e Guarire il Tuo Corpo - Vol. 2
Personaggi

Babaji

Babaji

Babaji (o Mahavatar Babaji) è, secondo alcuni, uno yogi immortale che vive sull'Himalaya. Secondo la tradizione, Babaji è il maestro illuminato che, nella seconda metà del 1800, iniziò Lahiri Mahasaya al kriya yoga. Alcuni pensano che si incarni di tanto in tanto, mentre altri credono che sia stabilmente incarnato e ringiovanisca il suo corpo grazie ad una pratica yogica conosciuta a pochissimi come "Kaya Kalpa".

La sua esistenza è stata resa nota al mondo da Paramahansa Yogananda nel suo libro "Autobiografia di uno yogi". Secondo alcuni, Babaji è apparso nel 1970 in una grotta nel Paese di Hairakhan, in India, senza vestiti e cosparso di cenere in Sadhana meditativa. In anni recenti, molte persone hanno asserito di averlo visto o di essere state in contatto con lui; il tutto testimoniato da fotografie del guru accanto ai devoti nell' Ashram di Hairakhan. I devoti di questo guru affermano che sia lo stesso Babaji descritto nel libro "Autobiografia di uno yogi".

Queste asserzioni sono viste con una certa diffidenza dalla maggior parte dei kriyaban appartenenti alle organizzazioni del kriya yoga del lignaggio di Paramahansa Yogananda. "Baba" significa semplicemente "Padre". Il suffisso "ji" si utilizza per indicare rispetto. Il coinvolgimento dei devoti occidentali ha contribuito molto alla diffusione di numerosi ashram in suo onore; solo in Italia ne esistono quattro sparsi in modo omogeneo per la penisola (si parte da Villa San Secondo - AT per finire a Cisternino - BR). Il Mantra che Babaji di Hairakhan consigliava di ripetere in ogni momento del giorno è "Om namah shivaya", che letteralmente significa "mi inchino al signore Shiva". Il messaggio che questo guru trasmetteva ad ogni devoto era questo: "Verità, Semplicità, Amore".

Da Wikipedia

 

Per secoli sono state raccontate in India storie di un santo immortale, uno dei tanti che rimangono eternamente giovani e il cui ruolo è lavorare per la graduale ascesa evolutiva della coscienza del pianeta. Molto poco è stato pubblicato sul maestro illuminato conosciuto col nome di Babaji, che è considerato un 'mahavatar' (grande incarnazione di Dio).

Il titolo Babaji significa 'riverito' o 'santo padre'. Il vero motivo per cui si hanno pochissime informazioni su Babaji ed altri siddha (santi) come lui è che il loro ruolo è tra quelli che si svolgono dietro le quinte.

Vi sono oggi tra noi parecchi maestri illuminati che lavorano per elevare la coscienza delle masse. Molti di tali maestri e profeti sono assistiti spiritualmente da Babaji, poiché il suo ruolo è quello di ispirare i leader spirituali che si trovano sulle linee del fronte dei movimenti di illuminazione.

Nel corso dell'ultimo secolo la residenza principale di Babaji è stata nel nord dell'India, nella zona di montagna vicino a Badrinarayan, non lontano dal confine con il Nepal. Fu in questa regione, sulla montagna Dronagiri, che Babaji iniziò Lahiri Mahasaya al Kriya Yoga e quindi chiese al suo discepolo di ritornare alla società e insegnare agli altri la scienza segreta. Tutto ciò avvenne nel 1861.

La storia personale di Babaji è sconosciuta. Alcuni titoli di rispetto datigli dai discepoli di Lahiri Mahasaya sono: Mahamuni Babaji (Supremo Maestro Estatico), Maha Yogi (il Grande Yogi) e Trambak Baba o Shiva Baba (titoli che designano gli avatar di Shiva).

Spesso Babaji appare giovane e altre volte ha baffi o barba. Quale che sia la sua apparenza esterna, l'Avatar mortale-immortale è sempre lo stesso spirito libero pienamente consapevole. si sa che egli conduce cerimonie particolari durante le quali si cantano dei mantra che hanno lo scopo d'invitare le energie sottili nell'atmosfera del pianeta.

Da Araba Fenice


Video da